La varicella, un consiglio semplice e naturale.

” La varicella è una delle malattie esantematiche dei bambini. Si manifesta con vescicole, prurito e febbre. E’ causata dal virus Varicella-Zoster.
a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

La varicella è una delle principali malattie esantematiche dei bambini.

Qual è la causa della varicella?
Un virus della famiglia degli Herpes Virus chiamato Varicella Zoster.

Come ci si contagia la varicella?

Attraverso un contatto diretto con la saliva del paziente infetto, oppure con le goccioline respiratorie emesse con la tosse, gli starnuti o anche semplicemente parlando oppure con il contatto con il liquido contenuto nelle caratteristiche vescicole.
Può anche essere trasmessa, ma con minore facilità, da un individuo affetto da Herpes Zoster. Il picco di incidenza si verifica nel tardo inverno ed all’inizio della primavera.
In genere colpisce bambini tra i 5 e i 10 anni di vita. È una malattia molto contagiosa per cui la maggior parte della popolazione in età adulta è immune.
Dopo quanto tempo dal contagio si manifestano i sintomi della varicella?
In genere dopo 14-16 giorni compaiono i primi sintomi ma si possono anche avere casi da 10 a 21 giorni dal contagio.

Come si riconosce la varicella?

Inizia con malessere generale e febbre, in genere lieve, ma che può arrivare anche a 39°-40°C.

Dopo alcuni giorni compare la tipica eruzione cutanea (in termine medico esantema), molto pruriginosa, che interessa all’inizio il cuoio capelluto, il viso e il tronco e poi si estende all’addome, ai genitali, alle braccia ed agli arti inferiori.
Le manifestazioni cutanee hanno dapprima l’aspetto di macule-papule, in altre parole appaiono come macchioline di colore rosso, lievemente rilevate al tatto, del diametro di 2-3 mm, che nel giro di poche ore si trasformano in vescicole (contenenti liquido chiaro).
Queste in alcuni giorni diventano torbide tramutandosi in pustole e, quando si seccano, diventano croste che si staccano spontaneamente senza lasciare cicatrici (tranne nelle forme con sovrainfezione batterica).
Le lesioni cutanee si risolvono completamente in circa 10-14 giorni.

Quali sono le complicazioni della varicella?

Sovrainfezione batterica (da stafilococco o da streptococco) delle lesioni cutanee, secondaria a grattamento delle vescicole Raramente epatite, encefalite (infezione del sistema nervoso centrale), polmonite, artrite, glomerulonefrite.
La varicella è raramente grave nel bambino sano, ad eccezione dei bambini molto piccoli e in quelli che presentano una grave immunodepressione.
Per quanto tempo il bambino affetto da varicella è contagioso?
Da 1-2 giorni prima dell’inizio delle manifestazioni cutanee fino a quando le lesioni sono tutte ricoperte da croste (6-9 giorni).

Come si cura la varicella?

Nel bambino sano è solitamente una malattia autolimitantesi e la terapia è solo di supporto.
Si somministrano antifebbrili (escludendo quelli a base di acido acetilsalicilico come l’aspirina, che possono provocare gravi reazioni nel paziente) e antistaminici per il prurito.
È consigliabile tenere corte e pulite le unghie del piccolo per evitare che infetti le vescicole grattandosi.
Esiste un farmaco specifico per la varicella, chiamato Aciclovir, che, somministrato per bocca entro 24 ore dalla comparsa delle prime manifestazioni cutanee, provoca una diminuzione della durata e dell’entità della febbre, e del numero e della durata degli elementi cutanei.
Il suo uso non è raccomandato nel bambino sano, ma può essere preso in considerazione nei bambini maggiormente a rischio di complicazioni come quelli di oltre 12 anni di età, o con malattie respiratorie e cutanee croniche gravi o nei casi secondari che avvengono in famiglia (e che di solito hanno un decorso più grave).

Come si previene la varicella?

Con il vaccino anti-varicella, che in genere viene somministrato in un unica dose sotto i 13 anni di vita e in due somministrazioni sopra tale età .
La vaccinazione è indicata nella prima infanzia, nei bambini più grandi e negli adolescenti ancora suscettibili, che non hanno cioè contratto la malattia.

Quanto tempo si deve stare assenti da scuola in caso di varicella?

La legge italiana prevede la riammissione a scuola dopo 7 giorni dalla comparsa delle prime manifestazioni cutanee.

Lo sapevate che …?

Una volta contratta la varicella, il virus rimane per tutta la vita nel nostro organismo, annidato nei gangli delle radici dei nervi spinali, pur senza dare sintomi (si dice, in questo caso, che rimane latente).
Può accadere che, soprattutto negli adulti e negli anziani, in corrispondenza di situazioni stressanti o di immunodepressione transitoria, il virus si riattivi, causando lesioni cutanee che prendono il nome di Herpes Zoster o “fuoco di Sant’Antonio” e che sono costituite da grappoli di vescicole spesso dolorosi, localizzati lungo il decorso di un nervo sensitivo. ”

Questo articolo, mi è sembrato molto semplice e chiaro e per questo l’ ho inserito.

Ora vi suggerisco un consiglio semplice e naturale, per affrontare la Varicella.

Naturalmente valgono tutti quelli elencati nell’ articolo. Anche io ho portato mio figlio al pronto soccorso pediatrico, per avere la diagnosi corretta; una volta saputo che era la famosa Varicella, non ho fatto nulla di quelle poche cose che mi hanno detto in ospedale, mio figlio non aveva la febbre, ho capito solo che la Varicella doveva fare il suo decorso, e per far guarire più velocemente le bollicine e limitare la sensazione di sfregamento, io preparavo un bel bagnetto caldo, con una manciata di sale grosso , e lo facevo stare un pò “ a mollo “ , lui si divertiva con un pò di giochini e stava bene.
Ho fatto questo sino a che le bollicine sono quasi sparite, cosi ne io e ne mio figlio ci siamo accorti che c’era una malattia in corso…

 

Commenti

Nessun commento finora.

Invia un commento

 
(Non sarà pubblicata)
 
 
Commento